Le piante sono nostre amiche, anche e soprattutto per migliorare la qualità dell’aria che respiriamo. E non pensate che l’inquinamento sia solo outdoor: anche le nostre case sono piene di sostanze inquinanti, derivate dai prodotti per la pulizia e altro. Se volete liberarvene, prendetevi in casa una o più di queste piante formidabili!

Dentro e fuori

NASA, University Of Sheffield, Joint Research Centre: sono solo alcuni dei centri che studiano la qualità dell’aria nelle mura domestiche e hanno ormai appurato che nei appartamenti, nelle nostre case ci sono alte percentuali di sostanze tossiche, causa di irritazioni agli occhi o alle vie respiratorie, di asma e anche di gravi malattie.

Tra queste sostanze c’è il benzene, o la formaldeide che un composto molto usato nell’industria perché utile per funzioni anche alimentari, e serve come antibatterico e additivo ubiquitario (ma è cancerogena in elevate concentrazioni).

Entrambe derivano da vernici, colle dei mobili, fumo delle sigarette, detergenti, alcuni deodoranti e tanti altri prodotti per la casa. Ma c’è anche l’Anidride Carbonica, che produciamo noi per primi come scarto della respiratorie e che però se presente in elevate quantità aumenta lo stress.

Per far fronte a questo possiamo spendere tanti soldi nella Ventilazione Meccanica Controllata, oppure possiamo prima vedere come va spendendone molti, molti di meno scegliendo una di queste piante!

Pothos,

Il Pothos, o Epipremnum Aurenum, è una pianta rampicante sempreverde, che si sviluppa per lo più in delle colture idroponiche (strutture che non hanno terra), dove le sostanze nutritive si disciolgono e si presentano alla pianta già nell’acqua.

Il terriccio tipico dove cresce questo vegetale si può anche sostituire con un substrato inerte fatto di perlite, torba, argilla espansa, e può essere lasciato libero oppure si può sostenere con dei tronchetti naturali in legno.

Il Pothos si può mettere anche in un vaso a terra, oppure in un vaso pendente per avere anche un bell’effetto estetico. Come le altre, il Pothos è fenomenale nella pulizia dell’aria domestica da benzene, formaldeide e altre sostanze volatili.

Sanseviera

La Sanseviera è un vegetale comune e tipico facente parte della famiglia delle Agavacee: una pianta estremamente resistente, e facilissima da gestire. Diversamente da altre piante che hanno un principio contrario, la Sanseviera ben si presta a stare nelle camere da letto visto che trasforma la CO2 in ossigeno di notte, e non di giorno.

È una pianta utile anche per la rimozione di benzene e formaldeide dall’aria domestica.

Felce di Boston

Tra le Felci comuni è quella più coltivata, visto che non le servono molte attenzioni e per questo si presta bene anche a chi ha poco tempo. La Felce di Boston è ottima perché assorbe perfettamente la formaldeide, riuscendo ad assorbire anche altri composti tossici come toluene e xilene.

Palma Areca

La Palma Areca è forse la pianta che avrete visto in (quasi) tutti gli appartamenti e gli uffici, per le sue numerose proprietà antibatteriche e antitossiche.

La Palma Areca trasforma l’Anidride Carbonica grandi quantità di Ossigeno, potendo così diminuire notevolmente la concentrazione tossica della CO2 negli ambienti in cui viene posta.

Ficus Robusta

Il genere Ficus comprende davvero tantissime piante, ma il Ficus Robusta è utilissimo come fissatore di benzene e formaldeide che rimuove dall’ambiente per impiegarle nei suoi cicli metabolici. In questo modo le rende decisamente inoffensive.

Simile a lui è il Ficus Benjamin, che presenta proprietà ugualmente efficaci (quindi, scegliete quella delle due che preferite).

Cookie disabilitati
Share.

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.