Sempre più persone decidono di acquistare un inserto camino da sistemare nello spazio del vecchio e tradizionale camino. Una scelta motivata dalla necessità di ottenere un sistema di riscaldamento più efficiente, e soprattutto più sicuro, senza rinunciare alla bellezza della fiamma a vista.

Negli ultimi anni il mercato dei camini ad inserto si è fatto sempre più florido, soprattutto perché si tratta di strumenti di design che permettono contemporaneamente di arredare e di scaldare la casa.

Gli inserti possono essere a legna o a pellet. Cambia il combustibile utilizzato, e sono comunque progettati per essere inseriti nell’apertura preesistente del camino. Sono dotati di canna fumaria, in modo da espellere i fumi secondo i termini di legge, e di uno sportello frontale che viene realizzato con materiali estremamente robusti (in genere vetro ceramico temprato pensato per resistere a temperature altissime ed allo sbalzo termico). In questo modo si coniuga un’efficiente utilizzo del calore ed allo stesso tempo la visione piacevole del fuoco nel caminetto a legna.

Un inserto a pellet o legna permette quindi di sfruttare lo spazio pre-esistente di un camino, di diminuire i costi della manutenzione, dell’installazione e quelli connessi alla necessità di una continua pulizia dei vani. Inoltre rispetto alle stufe tradizionali, hanno una camera di combustione in grado di controllare la fuoriuscita di polveri o fumo.

Le differenze fra inserto e studi a legna

Le differenze fra il caminetto ad inserto e la stufa a legna quindi esistono e non sono certo di secondaria importanza.

In primo luogo la stufa a legna ha sicuramente un grande effetto visivo, che però può essere ottenuto anche grazie all’installazione di un caminetto ad inserto che permette di avere la fiamma in vista.

La sicurezza è uno dei punti di maggiore differenza fra la stufa a legna ed il caminetto ad inserto. Il secondo è dotato di sistemi di sicurezza come gli sportelli creati per resistere ad alte temperature, che evitano la fuoriuscita di lapilli, cenere, la caduta dei tronchi. In questo modo, ci si può godere il calore della fiamma e la sua bellezza senza rischiare per la propria incolumità e quella degli oggetti nella vicinanza del camino.

A differenza della stufa a legna, i caminetti ad inserto a pellet sono estremamente versatili e possono anche essere personalizzati dall’acquirente per quanto riguarda le loro dimensioni. Si tratta di sistemi di riscaldamento che possono sposarsi sia con una casa moderna, sia con un arredo classico o campagnolo.

La stufa, a differenza del camino, è necessariamente vincolata al muro della casa, a meno che non abbia una canna fumaria di almeno 12-15 cm di diametro. Solo questo elemento permette di mettere la stufa a legna dove si preferisce o di spostarla nel tempo. Ovviamente le stufe di muratura o in pietra ollare fuoriescono dal discorso in quanto non possono essere spostate.

Le stufe a legna hanno bene o male lo stesso rendimento termico dei camini ad inserto (circa 70-75%) ma i secondi sono più sicuri e più pratici per la casa. Grazie allo scambiatore, i camini possono anche contestualmente scaldare l’acqua della casa e irraggiare l’ambente con un elevato rendimento termico.

 

Share.

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.