In un’epoca come la nostra dominata dall’accesso immediato alle informazioni, c’è il forte rischio che si propaghino informazioni errate, soprattutto in ambiti delicati, che richiederebbero maggiore attenzione. E’ il caso delle notizie di tipo economico-finanziario, delle notizie dai fronti di guerra e di quelle sulla salute, la scienza e la medicina. In questo ultimo campo il sensazionalismo è molto più grave, in quanto alimenta false speranze circa la possibilità di guarire da malattie gravi e complicate, per le quali esiste un protocollo medico sperimentato. Notorio è il caso Stamina che ha portato la magistratura a prendere diversi provvedimenti contro la falsa informazione e l’abuso creato fondamentalmente a scopo economico. Nel caso del web Google, il principale motore di ricerca, cerca di fare da cane da guardia della scientificità dei proclami, così nelle campagne pubblicitarie AdWords non è possibile promettere vantaggi di salute, se non comprovati. Inoltre tutto il settore medico è ampiamente moderato e ristretto, lo stesso vale per le posizioni nell’indice della ricerca naturale.

I prodotti venduti in erboristeria

Miglior causa meritano sicuramente coloro che in modo aperto e trasparente operano in ambito commerciale, come è il caso delle erboristerie. Questi e-commerce sono spesso legati a negozi terrestri aperti in più punti vendita, anche di tipo artigianale, e quindi non promettono nulla in più delle informazioni standard relative ai principi attivi dei prodotti. In particolare l’erboristeria online si distingue per la sua chiarezza e per il fatto che non offre palliativi, ma sostitutivi di prodotti per l’igiene quotidiana, la cura del corpo e la cosmesi. Integratori ed erbe sono appunto viste come integrazioni, che peraltro si possono facilmente trovare in una farmacia, sottoposta a vincoli di legge stretti e rigorosi. Negli ultimi anni, grazie anche alla diffusione del web, la gente ha riscoperto i numerosi benefici che le erbe medicinali offrono. Erbe come l’aglio, l’echinacea o il zenzero sono diventati molto familiari e molto usati in casa e in cucina. La quantità di erbe officinali e rimedi naturali è aumentata col passare degli anni e la loro disponibilità immediata aumenta anche grazie al web. Attraverso di esso, con le spedizioni anonime, è possibile far arrivare a casa anche sostanze proibite o non specificamente consentire dai prontuari farmaceutici predisposti dal Ministero della Salute. Le erbe hanno una grande tradizione e il loro uso viene da un sapere che si è tramandato per secoli, in modo parallelo alla medicina ufficiale, che ha fatto della chimica il perno principale. Molte persone sono all’oscuro del fatto che tanti principi attivi si ritrovano nelle piante e non si tratta solo di molecole sintetizzate in laboratorio. Il caso più noto è quello dell’aspirina e dell’acido acetilsalicilico, che come dice il nome, si estrae dall’albero del salice. Proprietà antipiretica nota fin dall’antichità, come narra Erodoto nelle sue storie, viene poi sintetizzata attraverso delle combinazioni chimiche in laboratorio. Di fondo rimane il forte potere dell’acido in questione, un estratto naturale, di lenire il dolore, motivo per cui ha avuto successo nella commercializzazione.

Share.

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.