I rimedi alla caduta dei capelli che puoi adottare quando la tua chioma diventa più debole sono diversi, e non hanno a che fare unicamente con l’utilizzo di prodotti ad hoc da applicare sulla capigliatura. Un ruolo molto importante, per esempio, è quello ricoperto dal regime alimentare che si segue. Per la salute della chioma, in particolare, è indispensabile il retinolo, vale a dire la vitamina A, che è presente in grande quantità in prodotti come i broccoli, le zucche, le carote e i cavoli. Non solo verdure, però: la vitamina A è contenuta anche in alimenti di origine animale come le uova, il formaggio, il latte, il burro e l’olio di fegato di pesce.

Cosa mangiare per prevenire e contrastare la caduta dei capelli

Nel novero dei rimedi alla caduta dei capelli c’è l’assunzione di un’altra sostanza che può derivare dall’alimentazione: si tratta dello zinco, di cui sono ricchi i cereali, i legumi, i semi di zucca, i semi di girasole, la frutta secca, i tuorli delle uova, la carne rossa e il pesce. Sul mercato si possono trovare anche integratori a base di zinco, che possono essere assunti soprattutto nel corso della stagione autunnale, che rappresenta uno dei periodi più critici e delicati per la capigliatura.

No ai trattamenti troppo aggressivi

Per mantenere in salute i capelli sarebbe opportuno mettere al bando i trattamenti eccessivamente aggressivi. Le colorazioni e le tinte sono alcuni dei prodotti che contengono sostanze in grado di incentivare la caduta dei capelli. Al termine della stagione estiva, pertanto, è opportuno selezionare con la massima attenzione la tinta da usare, per evitare di aver bisogno in autunno di trattamenti coloranti che si potrebbero rivelare dannosi.

Sì ai prodotti naturali

Per quanto possibile, è consigliabile privilegiare i prodotti naturali: basti sapere, tra l’altro, che il cuoio capelluto può essere riattivato dallo zenzero. Ma non è il solo ingrediente a cui fare riferimento in tal senso: si dimostra valida anche l’aloe vera, mentre l’avocado ha la capacità di aumentare il livello di resistenza della chioma e l’olio di cocco contribuisce ad accrescere la robustezza dei fusti. Non deve essere trascurata, poi, l’azione degli impacchi: contro il sebo in eccesso sono raccomandati quelli a base di aceto di mele, mentre se si ha la necessità di purificare i follicoli non c’è niente di più appropriato del tea tree oil. Un toccasana per il cuoio capelluto è anche l’olio essenziale di rosmarino.

Le lozioni e le fiale

Le persone che si ritrovano alle prese con i capelli che cadono a intervalli regolari e che dunque devono far fronte al problema ciclicamente dovrebbero valutare l’opportunità di impiegare dei prodotti specifici, tra i quali i trattamenti in lozioni o in fiale che devono essere applicati sul cuoio capelluto. Nella scelta, è bene privilegiare quelli che contengono attivi antiossidanti: è essenziale, infatti, contrastare l’effetto ossidante nei confronti del bulbo dovuto allo stress, che provoca un precoce invecchiamento. Nelle vitamine e negli oli essenziali ci sono, invece, attivi stimolanti, la cui azione può essere migliorata da uno shampoo anticaduta.

Attenzione ai cambi di stagione

Il momento del passaggio tra l’estate e il periodo autunnale è uno dei più pericolosi per i capelli, i quali seguono il ciclo della natura: in questa fase si verifica la transizione tra il massimo della rigogliosità e la caduta. Ciò vuol dire, per altro, che tra settembre e ottobre un aumento del numero di capelli che cadono è un fattore fisiologico che non deve destare eccessivi allarmismi o preoccupazioni superflue.

Share.

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.