Nonostante la medicina abbia fatto molti sforzi e conquistato enormi traguardi, non chiunque voglia diventare mamma può riuscirci, e non tutte le gravidanze hanno come conseguenza un nascituro sano al 100%. Nonostante sia importantissima, l’alimentazione non è l’unico fattore che influenza la fertilità o la gravidanza. Un insieme di problemi possono sorgere in ogni momento e non in tutti i casi c’è rimedio. In più, ci sono cause di infertilità e malattia alla nascita che non sono state ancora scoperte. Si sa che si nasce con una malformazione, ma non se ne conosce la causa. È chiaro che di fronte a questo panorama, non si può assicurare una nascita sana in ogni suo aspetto, grazie a un concepimento avvenuto nelle migliori condizioni possibili. Con così tanti fattori in gioco, occorre concentrarsi al massimo in tutti quegli aspetti che una madre e un padre possono controllare: l’ambiente di casa, l’ambiente esterno, le cure parentali e soprattutto l’alimentazione della madre.

L’alimentazione in gravidanza incide sulla salute del feto

Uno degli aspetti più confortanti sull’alimentazione in gravidanza e che i rischi associati alla malnutrizione o ha una carenza di particolari nutrienti, può essere risolta facilmente con un piano dietetico. In certi casi può bastare consumare più frutta, mangiare una colazione con cereali che contengono minerali e vitamine, come il ferro e l’acido folico. In altre situazioni l’intervento è più serio e richiede un maggiore impegno: soprattutto se si dive intervenire sul peso, per acquistarne un po’ oppure per diminuirne, bruciando dei grassi e lavorando dunque sulle abitudini alimentari, radicate a livello psicologico. In ogni caso il premio a questi sacrifici, a quest’ordine e a questa disciplina è un bambino che avrà infinite possibilità di nascere sano e di stare bene. Ogni cosa sarà al suo posto, con una dieta ben bilanciata per favorire l’ovulazione si otterrà un concepimento perfetto; seguendo i principi di un’alimentazione corretta, la gestazione andrà bene e non ci saranno problemi. Il ricorso ad integratori alimentari per la gravidanza è da verificare sotto stretta sorveglianza del dottore, anche per conoscere la composizione da ingerire, le quantità da assumere e come regolarsi.

Mamme più informate, figli più sani

Per le madri è necessario pertanto un surplus di informazione per rendersi conto dell’effettività di alcuni comportamenti e del fatto che il suo utero non è un ambiente sterilizzato, ma che risente moltissimo delle influenze esterne. I rilievi su alcol e fumo sono abbondanti, ma si sente parlare poco delle abitudini alimentari. Eppure l’alimentazione rimane la miglior leva, escludendo fattori genetici, che ha una madre per poter spingere la nascita verso una condizione di salute totale.

Share.

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.