Dove vivevano i T rex?

Il tirannosauro Rex è un gigantesco carnivoro lungo oltre 12 metri e alto più di cinque, per un peso di quasi sei tonnellate. La sua esistenza sulla Terra risale al periodo denominato Cretaceo, considerato uno degli ultimi dinosauri giganti e scomparso 65 milioni di anni fa, come tutti i grandi “bestioni” del Mesozoico (era compresa tra 250 e 65 milioni di anni fa) a causa di un’immane catastrofe, dovuta molto probabilmente la caduta di un meteorite sulla Terra.

Il primo esemplare fossile di questa specie di straordinaria potenza è stato trovato nel 1905 dal professor H.F.Osborn. Buona parte delle sue ossa sono state scoperte in ambienti umidi e semitropicali, vicino ai fiumi e in zone paludose, in valli fluviali ricoperte di enormi foreste nell’Alberta, in Montana, nel sud Dakota, prevalentemente in zone dell’America del Nord. I resti di una specie molte simile sono stati trovati in Mongolia (Asia). E’ curioso che questo ‘mostro” sia legato a un immaginario popolare che lo vede come icona perfetta del predatore spietato e feroce. Basta pensare a Godzilla, un “gojirasauro”, una specie immaginaria imparentata proprio con il tirannosauro. Numerosi studi sulle abitudini alimentari ci dicono che il T-rex fosse, in realtà, saprofago (mangiava carcasse e carogne cli animali morti) o, come si usa nel linguaggio comune, un animale spazzino. A confortare questa ipotesi, il fatto che l’area cerebrale dedicata all’olfatto fosse molto sviluppata. È facile ipotizzare, pertanto, che usasse il naso per trovare prede morte a diversi chilometri. Altri studi, tuttavia, confutano questa tesi: il bulbo olfattivo sviluppato poteva anche favorire l’individuazione di prede vive, che avevano un odore decisamente meno penetrante di quello di un cadavere. La struttura del cranio rivela come l’animale avesse una visione frontale molto buona, tipica dei predatori. Tutto ciò le rende con ogni probabilità un predatore “occasionale”. Era capace di strappare fino a 230 chili di carne con un morso solo e poteva raggiungere una velocità superiore ai 30 chilometri all’ora.

Caratteristiche fisiche del T-rex

Il T-rex era caratterizzato da una morfologia unica che lo rendeva assolutamente differente rispetto ai suoi simili. Scopriamo le caratteristiche fisiche del T-rex:

  1. Testa impressionante: Molto massiccia, era lunga 1,5 metri e armata con denti (30 nell’arcata superiore e 28 in quella inferiore) lunghi da 10 a 30 cm.
  2. Arti: Gli arti anteriori avevano dimensioni assai ridotte e le misure hanno sempre suscitato un po’ di perplessità negli studiosi soprattutto riguardo la loro funzione. La differenza di questi arti rispetto al resto del corpo è davvero imponente.

Curiosità

Jack Horner, consulente scientifico per il film Jurassic Park, ha scoperto nel 2000 a Fort Peck in montana, cinque fossili di Tyrannosaurus Rex. Uno di questo, denominato C-Rex è il più grande scheletro di dinosauro mai ritrovato.

Il dinosauro più famoso della storia si chiama, invece, Sue. Il nome lo prende direttamente da Sue Anderson, una paleontologa dilettante che l’ha trovato nel South Dakota, negli Stati Uniti. Si tratta del fossile di T-rex più famoso del mondo, anche perchè è il più grande che sia mai stati ritrovato fino al 2001. Lo scheletro è composto all’85% e vari studi sulla fossilizzazione hanno portato a pensare che avesse all’incirca 28 anni e che la sua grandezza si fosse pienamente sviluppata.

Share.

1 commento

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.