Voi o vostro figlio avete iniziato a giocare a tennis? È un’ottima idea, che però non va presa sottogamba. Scegliere l’attrezzatura sbagliata potrebbe farvi rendere meno di quanto potreste, magari anche scoraggiandovi o affaticandovi più del necessario. Per cui meglio informarsi prima di spendere soldi (che comunque non sono pochi), specialmente per quanto riguarda la racchetta, strumento protagonista per quanto riguarda questa disciplina.

Come i maghi

Se siete alle prime armi nel tennis forse non sapete che la scelta della racchetta è assolutamente fondamentale, perché una piuttosto che un’altra impattano notevolmente sui risultati di gioco (un po’ come un mago deve avere la giusta bacchetta, anche se nel nostro caso non è la racchetta a scegliere il tennista. Più o meno). Ad ogni modo se volete praticare seriamente questo sport spendete un po’ di tempo nel capire quale racchetta sia la migliore per le vostre caratteristiche e necessità, magari cercando un giusto rapporto qualità/prezzo.

Partiamo dal manico, che deve essere delle giuste dimensioni. Se siete adulti, le dimensioni devono aggirarsi tra i 10 e gli 11,5 cm e per capire quale sia quello giusto immaginatevi una sorta di linea dalla metà del palmo della vostra mano fino alla punta del dito medio. Oppure tenete in mano la racchetta e inserite il dito dell’altra mano tra il palmo e la punta delle dita dell’arto che regge lo strumento: se il dito non ci sta tutto, allora il manico è troppo corto e non va bene (e viceversa: se c’è troppo spazio ne va ugualmente cercato un altro).

Per quanto riguarda la lunghezza complessiva della racchetta, puntate su quelle lunghe tra i 68 e i 71 cm (salvo che le 68 sono quelle ideali per chi è alle prime armi). Poi se nel tempo migliorate e volete dare colpi più potenti, cercate racchette più lunghe che quindi infondono colpi decisamente più potenti – col lato negativo che sono più difficili da gestire.

Tre categorie

È comunque doveroso informarvi che ci sono tre tipi di racchette, che dovete scegliere a seconda di come giocate e di ciò che avete bisogno. Essi sono:

  • Le Power, caratterizzate da una parte contenete le corde molto larga e allungata. Sono leggere e per questo consigliate ai principianti senza per questo rinunciare alla potenza.
  • Le Tweener, che si adattano un po’ a tutti grazie al loro equilibrio tra potenza e manovrabilità.
  • Le Controllo Elevato, ovvero quelle per i professionisti caratterizzate da un piccolo piatto corde e da una grande possibilità di controllo. Sono anche più potenti e si trovano sia corte che lunghe. Il difetto (che però è anche un merito per la loro potenza) è che pesano più delle altre.

Ricapitolando, se siete dei principianti dovete puntare sulle Power, o se avete già dell’esperienza pregressa ma non giocate da tempo vanno bene anche le Tweener che comunque assicurano leggerezza e facilità d’uso. Comunque la racchetta migliore per chi è alle prime armi possiede un piatto corde compreso tra i 106 e i 118 pollici quadrati; un peso non superiore ai 283 grammi, una lunghezza di 68 centimetri e una testa più pesante del manico (con comunque peso bilanciato).

Se avete una particolare forza fisica dovuta ad anni di allenamenti in altri ambiti, non puntate su racchette potenti altrimenti rischiate di non rendere al massimo in quanto nel tennis occorre sempre un certo bilanciamento. Per questo meglio puntare su racchette col piatto corde piccolo, mentre invariate restano le altre caratteristiche.

Meglio provare

Ad ogni modo, specie se la comprate online, provatela prima di dare un giudizio definitivo. Se andate ad acquistarla su www.holiday-sport.it, oltre ad avere la certezza di un acquisto di qualità e resistente, studiato apposta per i tennisti e per le loro caratteristiche, avrete anche la possibilità di restituire il prodotto entro 14 giorni dall’acquisto se avete capito che non è la racchetta che fa per voi e ne volete un’altra.

Share.

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.