Volete applicare la carta da parati nei vostri spazi ma non sapete quale sia la più adatta? Scoprite leggendo i nostri consigli quale carta da parati scegliere ambiente per ambiente.

La tappezzeria, come una qualsiasi classica pittura o complemento d’arredo, deve essere scelta in base alla tipologia di stanza. Questo perché, ogni ambiente ha le proprie caratteristiche e peculiarità. Infatti, ad esempio, una semplice carta da parati in carta non è adatta alla cucina e al bagno. Come mai?

Leggete l’articolo e scoprite come scegliere la carta da parati giusta.

Scegliere la carta da parati: le regole fondamentali

Fino a qualche anno fa, quando si parlava di carta da parati alla mente saltavano subito quelle immagini di case vecchie e trasandata. Oggi, fortunatamente, la tappezzeria è ritornata di moda. E’ stata infatti, svecchiata e rese in chiave moderna sia con le nuove fantasie che con i materiali.

Carte da parati creative, in tante tipologie di design, arredano gli ambienti senza appesantire e invecchiare gli spazi. Infatti, grazie alla creatività, ogni parete prende vita, si veste di una luce nuova per chi ha voglia di avere una casa innovativa e di carattere. La carta da parati è un elemento per chi ha coraggio di osare proprio perché non è un semplice complemento d’arredo ma diventa parte integrante di tutto l’ambiente e lo caratterizza rendendolo unico.

Ma quale carta scegliere per vostri spazi? Ecco tutto quello che dovete sapere prima di scegliere la carta da parati.

  • La prima regola da seguire è scegliere la carta da parati rispettando lo stile che andrete ad utilizzare all’interno degli ambienti. Infatti, questa deve rispettare il design scelto affinché si possa avere un effetto unico e raffinato e si possono abbinare con l’arredamento. Quindi, ad esempio, se la carta da parati andrà ad abbellire una parete di una casa in stile moderno potete optare per una tappezzeria in stile geometrico o con nuance simili a quelle scelte per l’arredo.
  • Tante sono le tipologie di carte da parati. Le più utilizzate sono: in carta, in stoffa, in tessuto non tessuto in pvc, in fibra di vetro, in vinile e in nylon.
  • Per gli ambienti soggetti a umidità e a vapori è consigliabile utilizzare una carta da parati in vinile. Questo perché, grazie alla sua caratteristica di essere impermeabile, ignifuga, antimacchia e lavabile, può essere tranquillamente utilizzata anche in cucina e nei bagni. Infatti, potete inserirla sia come para-schizzi, sia su tutta la metratura della stanza, oppure su di una sola parete o nicchia per evidenziarla;
  • Anche nella camera dei bambini è possibile inserire la carta da parati. Infatti, tante sono le tappezzerie che possono essere utilizzate. Parola d’ordine colore e fantasia proprio perché la carta andrà inserita in uno spazio in cui i bimbi trascorreranno la maggior parte del loro tempo. Unica accortezza è scegliere una carta lavabile. In questo modo sarà più facile mantenerla sempre nuova senza il rischio che i piccoli possano disegnarci sopra con i pennarelli.
  • Scegliete il colore della carta da parati in base alla dimensione dello spazio in cui sarà inserita. Infatti, se lo spazio è piccolo preferite una tappezzeria con nuance chiare che daranno quell’effetto ottico di grandezza. Al contrario, se disponete di ambienti abbastanza grandi e luminosi, potete optare per carte con sfondo scuro o con illustrazioni grandi.
  • La carta da parati può essere applicata o solo su una singola parete o su tutta la stanza. Inoltre, se nell’ambiente avete uno spazio che volete valorizzare, inserite la tappezzeria. In questo modo, tale spazio verrà valorizzato ancora di più, acquisterà importanza.
  • E’ possibile lavare e spolverare la carta da parati. Infatti, seguendo dei piccoli accorgimenti, la tappezzeria non perderà mai la sua bellezza.
Share.

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.