Il gres porcellanato è l’ultima frontiera dei pavimenti ceramici, che permette di realizzare pavimenti con stupendi colori e fantasie, e tanta resistenza. Ma come si pulisce un rivestimento per pavimenti così particolare? Ecco alcuni consigli utili per mantenerlo sempre splendente e come se fosse appena posato.

Premessa: le caratteristiche del gres porcellanato

Prima di iniziare a parlare di come mantenere pulito il gres porcellanato, è utile conoscerne le caratteristiche. Parliamo di uno dei materiali più scelti nell’arredamento domestico e nell’edilizia dei nostri giorni, per merito di peculiarità di pregio ed estrema resistenza.

Un materiale che sta facendo, quindi, la fortuna delle aziende specializzate nel settore anche grazie ad un prezzo molto più abbordabile rispetto alle altre superfici per pavimenti sia vecchie che contemporanee, e a modalità di pulizia molto facili e veloci.

Ci sono tante tipologie di gres porcellanato, con diversi effetti:

  • Effetto pietra naturale;
  • Legno
  • Terracotta
  • Ruvido
  • Opaco
  • Marmo

Quindi, iniziamo a descrivere le varie modalità di pulizia di questo materiale innovativo.

La pulizia del gres porcellanato opaco e/o ruvido

Come detto, quindi, la facilità e velocità di pulizia del gres porcellanato è una delle chiavi del suo successo. Per pulire il gres porcellanato ruvido è conveniente, prima, togliere dalla superficie tutta la polvere in eccesso.

Questo materiale ha un livello di assorbimento delle macchie molto basso, ma comunque ha bisogno di particolari accorgimenti. In seguito alla rimozione della polvere con uno straccio specifico (come lo swiffer), si consiglia di trattare il gres porcellanato opaco e ruvido con dei detergenti che non siano troppo invasivi, perché così si eviterà di rovinare la superficie. Inoltre, nel gres opaco, bisogna fare attenzione allo sporco che si blocca nelle venature.

La pulizia del gres porcellanato effetto legno

Il gres porcellanato effetto legno è uno dei più resistenti in commercio, e uno di quello che ha meno bisogno di interventi o di cure particolari: anch’esso è quindi molto semplice da lavare. 

In questo caso, ciò a cui bisogna prestare maggiormente attenzione è la polvere. Si consiglia di spazzare molto di frequente il gres effetto legno, riducendo al minimo la quantità di polvere in eccesso, anche in questo caso usando un panno specifico che possa raggiungere anche le superfici più ruvide, mediante magari un detergente neutro.

È fondamentale evitare l’uso di prodotti oleosi che possono rovinare e scheggiare la superficie del pavimento (ed è l’errore più comune quando si parla di gres porcellanato effetto legno).

Un altro aspetto molto importante per la durata e la “salute” del gres effetto legno è capire come lucidarlo. Infatti, tale rivestimento può essere reso più lucido con delle levigatrici dotate di rulli specifici, strumenti utili a far rimanere l’intera superficie sempre brillante nel tempo.

Togliere le macchie da un pavimento in gres porcellanato

Non si è sempre capaci di riconoscere che tipo di macchie si sono formate sul pavimento, al punto che molto spesso la paura è che non se ne vadano via, rovinando in modo irreparabile la superficie.

Ma in questi casi è inutile farsi prendere dal panico: come ripetuto più volte, il gres porcellanato si tiene pulito molto facilmente. Anche dalle macchie, soprattutto perché è quasi impossibile sporcare in modo irreversibile il gres porcellanato usando le normali sostanze che si cadono più di frequente nell’uso quotidiano, quali sugo, aceto o limone.

In alcuni casi, macchie di vino o unto tolgono la patina della piastrella mostrando la finitura originaria opaca del gres, e possono creare così il timore che siano macchie difficili da rimuovere. In realtà no, perché basta avere dei semplici sgrassatori ossidanti e spugne abrasive, e in poco tempo le piastrelle ritorneranno a splendere della loro originale lucentezza.

 

 

Share.

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.