Avete comprato un’orchidea, o ve ne hanno regalata una, e non sapete proprio da dove cominciare per prendervene cura? Niente paura, seguite alla lettera questi consigli e presto vi accorgerete che sbagliare è praticamente impossibile!

Da sempre l’orchidea è un fiore sinonimo di bellezza, classe ed eleganza. Tra tutti i fiori d’appartamento, l’orchidea è considerato un fiore piuttosto delicato, che ha bisogno di cure per evitare che i suoi petali si secchino. Altro nemico delle orchidee sono gli sbalzi di temperatura, quelle che chiamiamo le escursioni termiche e che in casa si verificano soprattutto in inverno, a causa dei caloriferi.

Ma andiamo con ordine e vediamo quali sono tutte le cose da sapere per coltivare per bene l’orchidea. La prima cosa da considerare, prima di comprare un’orchidea, è l’esposizione della vostra casa. Avete una casa esposta a nord? Quindi poco illuminata? Ecco, in questo caso l’orchidea potrebbe non essere il fiore giusto per voi. Perché questo fiore ha bisogno di luce naturale tutto l’anno.

Se invece avete una casa esposta a sud, costantemente bel illuminata, allora il vostro ambiente è decisamente favorevole alla crescita di questo fiore, ma ci sono comunque degli accorgimenti che dovrete mettere in pratica:

  • Mettete l’orchidea in una stanza ben illuminata, soleggiata, ma mai a contatto diretto con il sole
  • Non annaffiate troppo. Meglio poco, ma spesso. Così eviterete di far marcire le radici. Prima di dare da bere alla vostra idea toccate il terreno: se è umido, non ci sarà bisogno di aggiungere altra acqua
  • Non usate il classico annaffiatoio: meglio uno spruzzino, anche fai da te, che distribuisce l’acqua in modo delicato
  • Non usate l’acqua del rubinetto, meglio quella piovana: il cloro è nemico dell’orchidea
  • Controllate che la pianta non sia attaccata dai parassiti
  • Pulite sempre le foglie dalla polvere, che ostruisce le foglie e rallenta la fotosintesi

Le malattie delle foglie

Purtroppo abbiamo detto che le orchidee sono fiori molto delicati e le loro foglie possono essere facilmente attaccate dai parassiti. Se vedete che le foglie sono ingiallite, spostate la pianta in un altro punto della casa: significa che sta ricevendo troppo calore diretto e che sta soffrendo.

Se le foglie sono gialle, vuol dire che state annaffiando l’orchidea con dell’acqua troppo calcarea. Passate all’acqua dolce: quella piovana andrà benissimo. In questa fase aiutate la vostra orchidea con un concime a base di ferro.

Se invece vedete che le foglie sono accartocciate, vuol dire che la luce è poca. Anche in questo caso, spostate la pianta in un punto della casa più luminoso.

Se vedete che le foglie sono a macchie, anche in questo caso vuol dire che la pianta sta soffrendo. La causa è quasi sempre una temperatura troppo bassa: la condizione ideale deve essere una temperatura di almeno 20 gradi.

Consigli preziosi per coltivare l’orchidea

Per coltivare l’orchidea potete utilizzare qualsiasi vaso, di terracotta o in materiale sintetico. Anche un vaso trasparente andrà più che bene per coltivare l’orchidea; questo perché anche le radici hanno bisogno di luce dal momento che come le foglie, anche loro svolgono il processo di fotosintesi.

E poi se usate un vaso trasparente avrete la comodità di poter osservare il buon andamento delle radici da vicino e controllare che non marciscano e che non diventino secche.  Se vedete che i fiori appassiscono, non toglieteli. Bisogna lasciarli lì fino a quando non saranno loro a cadere spontaneamente.

Quando l’orchidea fiorisce è il momento giusto per aiutarla con un buon nutrimento liquido, meglio ancora se in fiala. Basta inserirlo direttamente nel terreno e la vostra pianta sarà a posto per almeno 15 giorni.

L’orchidea, come tutte le altre piante, deve essere rinvasata. Potete procedere dividendo ogni cespo e in questo modo da una singola pianta di orchidea ne potrete ottenere altre. Per prima cosa irrigate il substrato e poi sollevate la pianta molto delicatamente.

Eliminate le foglie vecchie, quelle che si presentano di colore marrone e per dividere i cespi usate un coltello pulito dalla lama piuttosto larga. Radici secche e terriccio vanno vanno eliminati, mentre preparare il nuovo vaso.

Il trapianto è abbastanza semplice da eseguire; riempite il fondo con dei sassolini di ghiaia, che vi servirà a creare uno strato drenante e poi riempite con del terriccio e fertilizzante (in commercio potete acquistare un preparato già pronto di terra e fertilizzante).

Mettete ora le piante nei nuovi vasi, facendo ben attenzione a coprire per intero le radici. Le radici si coprono con un composto di muschio e radici di felci, oppure con un preparato di cortecce di abete e di pino. Ora le siete pronti per sistemare le radici nel vaso, che dovrà essere più grande di almeno 5 cm rispetto al vaso precedente. Il prossimo rinvaso sarà dopo 4 o 5 anni.

L’arte del giardinaggio: imparare le basi per cominciare

Fiori e piante piacciono a tutti, ma spesso si pensa che quello del giardinaggio sia un hobby per veri esperti oppure un’attività appannaggio solo di giardinieri ed esperti del mestiere. E invece no, tutti possono imparare come si coltiva una pianta o come ci si prende cura di un fiore, basta solo avere la volontà di apprendere cose nuove.

Per entrare in contatto con la natura, per carpirne i suoi segreti e per mettervi alla prova con la coltivazione di un fiore o della vostra pianta preferita, ci sono molte cose da conoscere. Bisogna avere un’infarinatura generale sulle tipologie di terreno, sulle tecniche di coltivazione e bisogna conoscere i periodi migliori per la semina, per il rinvaso e per il trapianto.

Se questi termini vi sembrano troppo oscuri e complicato, non temete: è solo questione di abitudine e di pratica. Tutti possono imparare a prendersi cura del giardino e delle piante, anche chi è convinto di avere un terribile pollice nero. Facile a dirsi, ma come fare?

No, non dovete studiare interi manuali di botanica o seguire corsi altamente specializzati se è quello che state pensando. Basta leggere e seguire i contenuti del portale Guida Giardino, che offre ogni settimana contenuti aggiornati e sempre nuovi per aiutarvi a coltivare al meglio i vostri fiori preferiti e per offrirvi spunti interessanti e creativi per arredare il terrazzo, il balcone e qualsiasi altro spazio della casa che volete arredare a tema floreale.

Share.

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.