Potremmo riassumere l’articolo in questo modo: i camini a gas sono più piccoli, meno ingombranti e soprattutto più ecologici delle stufe a pellet o dei camini tradizionali. Ma così sarebbe riduttivo, e poi ce ne sono di diverse tipologie. Quindi meglio continuare a leggere!

Un’alternativa intelligente

I camini a gas sono “l’altra scelta” per chi non può o non vuole tenere in casa i camini tradizionali, e sono vantaggiosi soprattutto per coloro che hanno piccoli appartamenti o piccole case, e anche perché sono molto facili da installare e da tenere puliti.

Certo, i camini tradizionali hanno ancora il loro fascino insormontabile, ma come detto non tutti hanno abbastanza spazio in casa per averne uno e quindi ora possono ovviare al problema con un bel camino a gas, moderno e di design.

E che, soprattutto, non rinuncia al fascino della fiamma viva, perché infatti i camini a gas donano una bellissima atmosfera grazie alla loro tipica fiamma rossa e blu attivata semplicemente attivando un pulsante.

A differenza di quelli tradizionali, poi, i camini a gas sono estremamente efficienti nei consumi, cosa che unita alla facilità di manutenzione e installazione li rende la soluzione più versatile per chi cerca un modo ecologico di riscaldarsi.

C’è poi un fattore economico, perché i camini a gas “liberano” dall’impiccio di legna e pellet che servono per i camini tradizionali e per le stufe a pellet. Per cui, cercate delle promozioni (ce ne sono sempre) e installate il vostro camino a gas, in modo da avere i vantaggi di cui andiamo ora a parlare.

Tanti benefici

Tra i primi vantaggi dei camini a gas c’è la facilità d’installazione (si intende paragonata ai camini tradizionali). Infatti richiede sempre un tecnico specializzato, ma nella maggior parte dei casi non è necessaria la canna fumaria in quanto i fumi possono essere smaltiti grazie a pareti e tetto.

In alcuni casi, come i camini catalitici, non c’è proprio bisogno di niente. Il camino a gas ha vantaggi anche nell’utilizzo, perché consente di regolare con grande precisione la combustione e la quantità di calore, nonché di controllare i consumi con termostato, con il telecomando e, nei casi più recenti, con la domotica.

I camini a gas sono poi vantaggiosi per la pulizia, visto che non producono cenere, non disperdono legna, non richiedono una particolare stagionatura del combustibile. Non servono lavori faticosi come lo spostamento della legna, o il suo taglio.

E la sua combustione è pulita, perché non produce incrostazioni nella canna fumaria o sulle pareti, quindi con i camini a gas dovrete solo fare delle pulizie, come quando pulite i vostri fornelli.

Forse l’unico svantaggio di questi camini è il costo, perché è di solito più alto rispetto a quelli tradizionali. Ma tutto è ammortizzato nel bilancio costi/benefici, dove vincono a mani basse sia contro i camini tradizionali sia contro le stufe a pellet.

Tipi di camini

Ci sono due tipi di camini a gas:

  • A camera chiusa (o stagna) che prevedono l’installazione di un vetro e sono molto efficienti perché possono riscaldare sia una stanza singola che più stanze insieme. Richiedono canna fumaria.
  • A camera aperta, che non hanno il vetro ma sono anche meno efficienti. Visto che hanno un basso potenziale di riscaldamento, più che dei corpi riscaldanti tendono ad essere considerati degli arredi.
Cookie disabilitati
Share.

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.