La piscina è un bene irrinunciabile per tantissime persone, ma non ne esiste solamente una tipologia, anzi. Esistono diverse tipologie di piscine per la casa, specialmente quelle esterne, che si distinguono in categorie a seconda del fatto che siano interrate o a terra.

La piscina interrata si trova all’interno di uno scavo sotto la superficie della terra e quindi l’acqua è in linea al pavimento. La piscina da terra invece viene installata su una base e può essere anche smontata, quindi è rimovibile.

Ci sono poi anche altre tipologie di piscine, quelle morbide, caratterizzate per il fatto di essere gonfiabili, di piccole dimensioni e dai costi ridotti, ideali per i bambini.

Piscine fuori terra

Le piscine fuori terra sono sicuramente una buona via di mezzo fra quelle interrate e quelle gonfiabili. Si tratta di soluzioni ideali soprattutto per chi voglia una piscina economica, semplice da montare e possibile da smontare quando non serve più ed occupa spazio inutile, come durante i mesi invernali. La piscina fuori terra è un buon compromesso in quanto ne esistono di diverse grandezze, per tutte le esigenze, e di differenti tipologie.

I costi quindi possono variare esponenzialmente a seconda delle dimensioni e del materiale e della forma della piscina fuori terra.

Ci sono infatti diverse tipologie che possiamo riassumere così:

  • piscina autoportante. Si tratta di piscine con il bordo gonfiabile, il che permette alla struttura di reggersi da sola. Sono facilissime da smontare, veloci da montare, sono economiche e sono anche molto semplici da gestire. Ideali per chi non abbia grandi pretese in ambito di piscine fuori terra, ma voglia uno specchio d’acqua non molto profondo dove divertirsi e far giocare i bambini. Sono ideali per chi non ne fa un utilizzo continuativo; ovviamente non resistono alla temperatura invernale.
  • Piscine fuori terra frame. Via di mezzo fra quelle auto-portanti e quelle rigide, non hanno l’anello gonfiabile e quindi sono meno soggette a forature e danni. Costano poco ma sono più robuste di quelle viste precedentemente.
  • Piscine rigide. Sono piscine da montare e smontare, e sono adatte per chi abbia bisogno di un prodotto robusto e delle dimensioni più svariate. La struttura esterna di rivestimento è in resina, legno, metallo, e possono anche resistere alle basse temperature quindi se adeguatamente coperte resistono all’inverno.

Piscine interrate

Sono le piscine di lusso per eccellenza, consistono in vasche che vanno inserite all’interno di uno scavo più o meno profondo. La piscina interrata ha il vantaggio di essere sempre disponibile (se si tratta di una piscina riscaldata è accessibile anche in inverno), di essere resistente, ma è molto costosa (i prezzi possono arrivare fino a 20mila euro) e inoltre richiede una certa manutenzione.

Neppure le piscine interrate sono tutte uguali, anzi si differenziano non solo nella forma ma anche nel materiale che le compone, e quindi possono avere dei costi diversi fra di loro. Inoltre è possibile dotarle di optional come il trampolino e il sistema di riscaldamento dell’acqua per mantenere un ottimo confort anche in inverno.

Share.

Leave A Reply