Presentazione PADIGLIONE ITALIA 12. Mostra Internazione di Architettura della Biennale di Venezia AILATI. Riflessioni dal futuro

In occasione della Presentazione della 12. Mostra Internazionale di Architettura People meet in Architecture (Venezia_Giardini e Arsenale, 29 agosto – 21 novembre 2010), svoltasi oggi 3 maggio alle ore 12.00 presso l’aula magna della Facoltà di Architettura “Valle Giulia”, Il Ministero per i beni e le attività culturali con il PaBAAC – Direzione Generale per il paesaggio, le belle arti, l’architettura e l’arte contemporanee e la Biennale di Venezia hanno presentano i contenuti di AILATI. Riflessi dal futuro, l’esposizione ideata da Luca Molinari per il Padiglione Italia.

“AILATI. Riflessi dal futuro” afferma il curatore Luca Molinari “è un gioco di specchi con la parola Italia per un percorso che è una nuova lettura dell’architettura contemporanea vista attraverso uno sguardo laterale e originale sulle cose, sulla realtà, sui progetti – ailati, appunto – per recepire con più forza e saggezza i riflessi dal futuro che la realtà ci manda quotidianamente e che sono la risorsa su cui l’architettura italiana può costruire nuove forme di identità e ricerca. AILATI. Riflessi dal futuro lancia quindi una visione dell’architettura come arte civile, attenta alla realtà e alla gente, capace di produrre soluzioni per una società inquieta, in profonda trasformazione, spaventata dal futuro ma che dall’architettura dovrebbe essere provocata a vivere con più attenzione e coraggio gli spazi della contemporaneità”.
La mostra si articolerà in tre sezioni:

renzopianoAmnesia nel presente. Italia 1990-2010: E’ un primo, necessario bilancio sull’architettura italiana in questi ultimi vent’anni. Il termine Amnesia sta ad indicare la preoccupante rimozione della nostra storia, delle esperienze che hanno fatto l’identità recente dell’architettura italiana… ma anche una provocazione per indicare una bassa considerazione che l’Italia nutre per l’architettura contemporanea di qualità.
Questa sezione, attraverso immagini, diagrammi e testimonianze, è la prima lettura critica di questo delicato periodo storico con lo scopo di offrire una comprensione del nostro presente, più attenta e consapevole. Si tratta di una riflessione storico-critica che non è mai stata svolta proprio a rappresentare la complessità e densità di un periodo che ha visto susseguirsi generazioni diverse di architetti e di idee. Un excursus dall’ultima fase di lavoro di alcuni grandi maestri del secondo dopoguerra (Ignazio Gardella, Ettore Sottsass jr., Aldo Rossi, Bruno Zevi, Vico Magistretti, Michele Capobianco, Pasquale Culotta) all’esordio della cultura digitale e di due nuove generazioni di architetti, dall’affermazione di alcune grandi firme italiane all’estero come Renzo Piano, Massimiliano Fuksas, Vittorio Gregotti, Aldo Rossi, Paolo Portoghesi, Franco Purini, alla crescita di un’architettura vitale e contemporanea nella provincia italiana.

Ailati. Riflessi dal futuro vuole anche mettere in evidenza le difficoltà in cui versa l’architettura contemporanea in Italia, dove ancora è troppo bassa l’attenzione e la spinta per una buona architettura di qualità, e dove le committenze pubbliche e private dovrebbero avere più coraggio nell’investire in opere pensate dalle nuove generazioni di architetti italiani. Lo fa con Laboratorio Italia, la sezione centrale della mostra dedicata al presente. Qui sono esposte opere costruite in questi ultimi anni, suddivise in 10 aree tematiche emergenti per un Paese in cerca di nuove identità e soluzioni. Tutti i progetti esposti sono realizzati o in avanzato stato di realizzazione per dare uno sguardo concreto su quello che di qualità si costruisce in Italia e sui tipi di sperimentazioni che si portano avanti. Le dieci famiglie tematiche inquadrano problemi e questioni emergenti dal Paese reale che sollecitano soluzioni innovative.

Accanto alle opere di architetti, Laboratorio Italia presenta anche alcuni lavori prodotti da fotografi-artisti: Il Parco di Marina Ballo Charmet, Ritratto di Classi di Francesco Jodice, Statale 106 di Filippo Romano e Eva Frappicini, Incompiuto siciliano di Alterazioni Video.