Risus abundat in ore stultorum…Sarà, ma in realtà si tratta davvero di un ottimo alimento, tanto più che esistono addirittura delle diete ad hoc in cui questo cibo la fa da padrone: vediamo insieme più da vicino di cosa stiamo parlando.

Rischi e pericoli della dieta del riso, panoramica

Cominciamo con il mettere in chiaro una cosa: nella dieta del riso non è previsto che si vada avanti a scodelle del suddetto per una settimana, anzi, si tratta di una dieta ricchissima di altri alimenti. Essa prevede un regime alimentare della durata di sette giorni – ma che volendo può essere protratto, seguendo i dovuti accorgimenti, a circa un mese – in cui sono presenti oltre al riso anche latticini magri, pesce magro anch’esso, verdure ed altro. Nella versione lunga di questa dieta è prevista una fase di attacco (molto dura, da massimo 800kcal al giorno) e due altre fasi via via più libere, ed è possibile perdere fino ad un massimo di 8-9 kg in un mese, almeno così secondo varie fonti. Ammesso e non concesso che tutto ciò sia vero, sarà anche vero che esistono rischi e pericoli della dieta del riso oppure possiamo armarci di bacchette cinesi in tutta tranquillità? Il semaforo in questo caso è giallo. La dieta del riso infatti è si una dieta che va bene per perdere peso ma non è certamente un modo di alimentarsi equilibrato, ed infatti non sono presenti tutti gli elementi nutritivi di cui abbisogna normalmente un corpo umano. Si può arrivare dunque ad una vera e propria malnutrizione.

Si perde peso, ma attenzione dopo!

Se infatti si segue la dieta del riso per più del mese consigliato le conseguenze sulla salute potranno essere anche gravi, quindi ci raccomandiamo di seguire le tempistiche suggerite. Appurato che se si è sani e si fanno le cose nel modo giusto non sussistono particolari rischi e pericoli della dieta del riso, analizziamone l’efficacia. Abbiamo detto che è possibile perdere molto peso in un periodo di tempo relativamente limitato, e questo è vero, però ci sono alcuni dettagli degni di nota. Innanzitutto, sorge il problema tipico di qualunque dieta monocibo: la noia. Se per un mese infatti riusciamo a controllarci, quando smettiamo di essere a dieta potrebbe verificarsi un fastidiosissimo effetto rebound. Perfino i bambini tra un po’ sanno che iniziare ad ingozzarsi dopo un periodo di dieta dura è qualcosa di estremamente controproducente: in un battibaleno non solo si riprenderanno i kg persi a prezzo di tanti sacrifici, ma si rischerà perfino di acquistarne qualcuno in più. Se poi il peso è stato perso senza che si sia iniziata un’adeguata attività fisica, ancora peggio: ci sarà stata sicuramente allora anche una diminuzione della massa muscolare, e la combinazione dieta ipocalorica più perdita di muscoli non può che abbattere il vostro metabolismo, portandovi naturalmente ad ingrassare nei punti peggiori. Dunque via libera a qualsiasi dieta sia di vostro gradimento, ma non dimenticate che se volete grandi risultati in pochissimo tempo forse potrete anche ottenerli, ma dovendo pagare un prezzo – salatissimo – dopo.

Cookie disabilitati
Share.

Leave A Reply