Purtroppo, nell’immaginario collettivo c’è ancora l’idea che le case costruite in acciaio e cemento siano la sistemazione più efficiente e duratura rispetto alle case prefabbricate in legno, considerate una soluzione di secondo livello, poco stabili e sicure. Quello che la gente non sa, però, è che questa tipologia di abitazioni eco-sostenibili ha un’ottima abitabilità e una salubrità degli ambienti salubri perfetta per il benessere psico-fisico degli individui.

Il meccanismo che si “innesca” grazie all’utilizzo del legno nella fabbricazione di questi edifici permette una termoregolazione naturale, esattamente come accade con il corpo umano quando interagisce con l’ambiente esterno per l’interscambio di energia. Il risultato è la creazione di un ottimo comfort degli spazi interni oltre a un benessere termo-igrometrico che regala una perfetta regolazione e riciclo dell’aria.

Un’abitazione costruita secondo le regole dettate dalla bio-edilizia avrà sicuramente dei vantaggi maggiori rispetto a una tradizionale abitazione latero-cementizia, grazie alle innumerevoli peculiarità del legno. Infatti, i benefici si tramutano sotto diversi aspetti fruibili in ogni stagione, approfittando della capacità del legno di assorbire umidità in eccesso e rilasciarla solo quando è necessario, senza l’intervento di impiantistica sofisticata.

Inoltre il legno, essendo un pessimo conduttore di calore, non favorisce fenomeni di condensa sulle pareti, un problema molto frequente nelle abitazioni in cemento armato non isolato. Da questo ne deriva che, per la costruzione di case prefabbricate in legno a prezzi concorrenziali rispetto alle classiche abitazioni, sarà necessaria una presenza minima di appositi congegni idonei alla regolazione del clima interno degli spazi abitativi, con una riduzione dei costi in bolletta non indifferente.

Con le case “green” il clima sarà ottimo in ogni stagione

l’utilizzo di impianti di condizionamento ad-hoc, con ripercussioni negative sulla salute degli abitanti, nelle case prefabbricate di legno il meccanismo è molto più semplice e vantaggioso. La particolare struttura in legno, eseguita secondo il sistema platform-frame (a telaio) o X-Lam, assicura una perfetta termoregolazione passiva e naturale ricreando il clima ideale a vantaggio di un risparmio energetico e di una maggiore sostenibilità ambientale.

Progettare un’abitazione secondo l’uno o l’altro sistema di costruzione è a discrezione dell’acquirente oppure l’ideale è farsi consigliare da qualificate aziende produttrici ben addentrate nel settore della bio-edilizia, come www.avantgardeconstruct.it, leader nella costruzione e vendita di case prefabbricate a prezzi eccezionali, con un ricco catalogo di edifici già costruiti e altri in fase di costruzione.

E’ utile installare anche impianti supplementari?

Anche se una casa prefabbricata dispone già di tutto il necessario per la creazione di un microclima interno ottimale, per chi non bada a spese sarà possibile installare un certo tipo di impiantistica necessaria a diminuire il fabbisogno energetico e a favorire gli scambi con l’ambiente circostante, sia nella stagione estiva che in quella invernale. In questo modo si contribuirà ad aumentare il benessere interno a vantaggio di migliori condizioni di salute.

Bronchiti, infezioni batteriche e raffreddori provocati da bruschi cali di temperatura o da un impiego massiccio dei classici “condizionatori” saranno solo un lontano ricordo. Solo ventilazione naturale e una maggiore traspirabilità delle pareti per le case prefabbricate in legno che, durante la loro realizzazione, non sono sottoposte a trattamenti e a vernici a base chimica o utilizzati materiali con un forte rilascio di sostanze tossiche.

Share.

Leave A Reply