Natale e il periodo natalizio in generale rischiano di diventare essere un vero e proprio nemico per la salute di grandi e piccini. Panettoni, pranzi e cene abbondanti, uniti a dolci e prelibatezze di ogni genere rischiano di portarci alla metà di gennaio con 3-4 chili di troppo. Per evitare il sovrappeso post-ferie, ecco una serie di consigli utili da mettere in atto prima e durante le feste natalizie.

  • Mastica lentamente. Fare piccoli bocconi e masticare a lungo permette di digerire meglio, grazie agli enzimi contenuti nella saliva, ma anche di gustare di più il cibo e di sentirsi più sazi. «Le abbuffate si evitano anche con la consapevolezza del cibo che stiamo gustando, imparando a osservarlo con gli occhi prima di portarlo alla bocca e mangiando più lentamente, cercando di capire gli ingredienti con cui è stato preparato e di distinguere tutti i sapori che lo caratterizzano».
  • Mangia poco di tutto. Nei pranzi e nelle cene delle feste il menù può prevedere fino a cinque volte le quantità e le calorie di un pasto normale. Se poi ci troviamo nelle condizioni di non poter rifiutare nulla perché la mamma o la suocera si offendono “a morte” se non proviamo tutte le loro specialità, ecco un consiglio di sopravvivenza dalla nutrizionista: «Assaggiamo porzioni limitate di tutto, mangiando lentamente e appoggiando spesso le posate tra un boccone e l’altro, per guadagnare tempo e raggiungere prima il senso di sazietà. Attenzione anche agli alcolici. Non superiamo i due bicchieri di vino in un pasto importante ed evitiamo i superalcolici perché le calorie dell’alcol sono tra le principali responsabili dei chili di troppo con cui ci ritroviamo alla fine delle feste».
  • No alla frutta secca a fine pasto 5 La frutta secca – noci, nocciole, mandorle, anacardi, pinoli, pistacchi, castagne e simili, ma anche i semi oleaginosi come quelli di zucca, girasole, lino o sesamo – è ricca di proteine, fibre e minerali come calcio, fosforo e ferro e di vitamine come la E, utile per rallentare l’invecchiamento cellulare. La frutta essiccata – come uva sultanina, fichi secchi, albicocche e mele secche, mirtilli secchi e così via – ha molte fibre, contiene magnesio, potassio e ferro. Entrambe però sono molto caloriche. La frutta secca per il suo contenuto in oli, quella essiccata per quello in zuccheri. -«Non mangiamola alla fine di un pasto importante, com’è invece tradizione durante le feste, ma consumiamola in piccole quantità a colazione o come sana merenda nei giorni “di magro” tra una festa e l’altra».
  • Prendi un solo dolce a pasto.Se il menù prevede più dolci, scegliamone uno soltanto. Una fetta di panettone oppure una di pandoro. In alternativa, un pezzetto di torrone o del cioccolato oppure una porzione piccola di un altro dolce. «Dopo un pasto completo il dolce rappresenta solo un momento di gratificazione del palato, ma dal punto di vista nutrizionale costituisce un superfluo e dannoso carico di zuccheri raffinati e grassi», avverte l’esperta.
  • Non impigrirti sul divano. Non è vero che dopo un pasto abbondante si debba riposare. «Teniamo presente che se la palestra chiude per le feste natalizie, le passeggiate non vanno mai in ferie!». Scherzi a parte, il giorno di Natale o quello di Capodanno sono un’ottima occasione per uscire a fare una passeggiata con amici e parenti dopo pranzo. Il movimento, che non deve essere eccessivo per non ostacolare la digestione, ci aiuta a smaltire un po’ delle calorie di troppo incamerate».
Cookie disabilitati
Share.

Leave A Reply